Ex.it 2016. Albinea (RE), 20-21-22 maggio

a cura di Mariangela Guatteri e Giulio Marzaioli
infoex.it.materiali@gmail.com

Ex.it – Materiali fuori contesto,  2016

Rassegna internazionale di scritture di ricerca.

Per comprendere la realtà EX.IT è necessario entrarvi, farne un’esperienza, attivare modalità di lettura del territorio libere dall’incombenza di difenderlo; predisporsi a uno sguardo fluido, idoneo alla percezione delle aree più frammentate, ma non solo.

«In un certo senso l’exit, l’esodo, la defezione, è una sottrazione intraprendente, cioè non ci si può sottrarre se non fondando qualcosa di nuovo o, per prolungare il richiamo biblico, se non abbandonando l’Egitto inoltrandosi nel deserto e sperimentando lì forme di autogoverno che prima non erano neanche immaginabili.»

Questa frase di Paolo Virno [I limiti del linguaggio, «Ex.it 2014», p.87] coglie in pieno la volontà di EX.IT che, fin dalla sua prima edizione (2013), ha messo in atto un’attitudine alla costruzione di ambienti instabili ma in forte relazione col mondo contemporaneo e le sue dinamiche, complessità e incongruenze. Questa volontà è di chi, di volta in volta, intende esercitarla; non appartiene a un singolo nome ed è di tipo collaborativo. Gli ambienti non sono da intendersi tanto come luoghi fisici quanto come modalità relazionali, e hanno la dimensione di uno sguardo che si dirotta e abbandona nicchie e confini letterari provando a porsi in relazione critica e creativa col mondo conosciuto, i suoi oggetti, le sue disposizioni.

EX.IT è un tentativo di esistenza – tanto degli autori quanto dei loro artefatti – basato sulla collaborazione e lo scambio, piuttosto che sulla contrapposizione a ciò che non è più ritenuto praticabile o necessario. Su tali volontà e modalità si fonda e organizza questa sottrazione intraprendente fatta di progetti, incontri, dialoghi e, soprattutto, intelligenze relazionali, che è EX.IT.
Si immagini allora una forma non descrivibile e afferrabile con i soli e consueti riferimenti a stili, categorie, poetiche, luoghi, posture d’autore; a una formazione mobile composta da esponenti di differenti aree di pensiero e pratiche estetiche; e si immagini una libertà di azione del pensiero e delle sue possibili realizzazioni e manifestazioni: un modo di muoversi, di conoscere e mettersi in gioco che non ha preoccupazione di dove andare a collocarsi.

Volendo insistere, sempre per attitudine, in una ricerca che esplora e sperimenta le possibilità dei linguaggi – così come dei loro limiti –, l’edizione 2016 porta con sé, per metterla in circolo, l’energia (e la buona fatica) di progetti laboratoriali, collettivi e collaborativi concretizzati nell’arco del 2015. Si tratta di idee messe in azione dagli autori che hanno via via partecipato alle precedenti edizioni di EX.IT e alle varie iniziative collegate; questi autori hanno sentito l’esigenza di fare, oltre che di scrivere (nel senso ampio di produzione/postproduzione e organizzazione di segni, indipendentemente dal mezzo e linguaggio che li realizza). Fare significa prendersi responsabilità, diverse e ulteriori, quando ci si confronta con la propria necessità di installare – anche molto provvisoriamente – un’intuizione.
Perciò c’è stato chi ha colto nella dimensione del fuori contesto la caratteristica essenziale di mobilità e indipendenza rispetto ai luoghi, alle persone coinvolte, ai mezzi, ai modi. Così, dalla prima edizione, si sono susseguiti eventi e circostanze che da EX.IT hanno preso impulso. Ora sono rimesse in circolo qui (non replicate); ma tradotte da altri luoghi, contesti, lingue, linguaggi.

Ecco dunque cosa sarà «Ex.it  – Materiali fuori contesto» a maggio 2016 (in ordine di apparizione)

Da venerdì 20 a domenica 22 maggio

Couplets a Ex.it 2016, img

Couplets — materiali sonori di Alessandra Greco e Luca Rizzatello

apriranno le giornate degli incontri exitiani.
Da un’idea di Alessandra Greco, che ci sta mettendo i testi e la voce, e Luca Rizzatello che partecipa con l’elettronica.


Venerdì 20 maggio


ore 16.30

Visita guidata alle stanze di OT Gallery

a cura di Giulio Marzaioli.

La OT Gallery, sebbene non scavata nella roccia, è a tutti gli effetti una galleria. 

Ideata e diretta da Giulio Marzaioli, è stata realizzata sul web [otgallery.org] con la collaborazione di Elisa Davoglio. Inaugurata il 30 settembre 2014, ospita una collezione permanente di 11 installazioni a cura di Giulio Marzaioli, e 17 mostre temporanee curate (in ordine di allestimento) da Massimiliano Manganelli, Andrea Raos, Alessandro Broggi, Alessandro De Francesco, Mariangela Guatteri, Damiano Abeni, Brunella Antomarini, Alessandra Greco, Andrea Inglese, Luigi Socci,Vincenzo Ostuni, Simona Menicocci, Maria Grazia Calandrone, Riccardo De Gennaro, Renata Morresi, Gian Maria Annovi, Giorgia Romagnoli.

OT è attualmente chiusa per inventario ma il 20 maggio 2016, presso la Biblioteca Civica di Albinea, viene offerta ai visitatori l’occasione di poter effettuare una visita guidata, specificamente ideata per Ex.it 2016, alle installazioni ospitate dalla galleria.


ore 18.00

Riscrizioni di mondo

a cura di Andrea Inglese e Gianluca Codeghini.
Con la partecipazione di Alessandra Cava.

Riscrivere il suono e archiviare la parola. Una performance sul tragitto tra scrittura e voce.

Inglese e Codeghini hanno montato un dispositivo di riscrittura poetica, a partire da tre brani descrittivi di tre scrittori “scienziati” francesi attivi tra Ottocento e primo Novecento: Audubon, un ornitologo, Reclus, un geografo, e Fabre, un entomologo. Questi tre brani sono stati liberamente riscritti da quattro poeti francofoni (uno belga e tre francesi: Vincent Tholomé, Frédéric Forte, Liliane Giraudon e Suzanne Doppelt) e a loro volta queste riscritture sono state riscritte da altrettanti autori italiani (Alessandra Cava, Renata Morresi, Andrea Raos, Vincenzo Ostuni). In questo itinerario di parola, ogni autore ha registrato la lettura del proprio contributo e l’insieme di queste voci è stato organizzato in una composizione per djset e azione poetica da Gianluca Codeghini e Andrea Inglese.

Questo dispositivo è parte di un progetto aperto, collettivo e internazionale, che si è dotato di un archivio sul web [www.descrizionedelmondo.it]


Da sabato 21 a domenica 22 maggio

al Tavolo di Libri risorti, Giovanni Spadaccini propone i libri

e i Fogli Benway, i 2 volumi Ex.it (2013; 2014), i libri che gli autori vorranno proporre, oltre una selezione di letteratura, poesia e saggistica del novecento. Prime edizioni, curiosità e rarità.


Sabato 21 maggio


ore 10.30

Tra scrittura e fotografia. Alcune ipotesi

a cura di Pietro D’Agostino e Massimiliano Manganelli.
Intervengono Maurizio G. De Bonis e Luigi Magno.
Maurizio G. De Bonis è giornalistacritico ed esperto di arti visive; Luigi Magno è ricercatore e docente in letteratura francese presso l’Università degli Studi Roma Tre.
Sono invitati gli autori coinvolti nel progetto.

Luigi Magno, nella postfazione a Saggi di letteratura arrestata, di Denis Roche, osserva

Egli trasporta cioè la fotografia nella letteratura non tanto attraverso operazioni analogico-metaforiche (piano tematico, tecnica narrativa) e ancor meno attraverso mere corrispondenze illustrative, bensì trasferendo alcune proprietà o sintomi dell’estetica della fotografia in un altro codice.

L’invito a un gruppo di autori che praticano prevalentemente la scrittura a produrre un’azione, un gesto fotografico in alternativa a un testo o un gesto scritto, con la conseguente fruizione data alla lettura e all’oralità, si configura come possibilità di analisi comparativa delle modalità di rappresentazione.
Ai curatori di questo esperimento interessano la percezione e la restituzione del visivo, tanto nella produzione di testi scritti quanto in quella di immagini fotografiche. E si domandano:

possiamo tentare una comparazione, in relazione al visivo, tra la scrittura e l’immagine fotografica?

Questo interrogativo intende porsi quale questione centrale dell’iniziativa. Oltre alla visione delle fotografie prodotte, il percorso proposto si svolge con interventi e dialoghi in merito alle scelte operate dagli autori. Tale ipotesi di lavoro ha valore di esperimento, di vera e propria indagine all’interno del vasto e articolato mondo delle esperienze che si muovono tra pensiero, parola e immagine.

Materiali fotografici di Gian Maria Annovi, Gherardo Bortolotti, Alessandro Broggi, Maria Grazia Calandrone, Alessandra Cava, Elisa Davoglio, Alessandro De Francesco, Giovanna Frene, Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Andrea Inglese,  Giulio Marzaioli, Simona Menicocci, Manuel Micaletto, Renata Morresi, Gilda Policastro, Laura Pugno, Lidia Riviello, Fabio Teti, Sara Ventroni, Michele Zaffarano.


ore 15.30

Prove d’ascolto – scritture divergenti

a cura di Simona Menicocci e Fabio Teti.

Resoconti, materiali, dialoghi e progetti futuri dall’esperienza laboratoriale romana «prove d’ascolto». A seguire, sono invitati a leggere i propri testi Daniele Bellomi, Alessandra Cava, Fiammetta Cirilli, Mario Corticelli, Elisa Davoglio, Alessandro De Francesco, Niccolò Furri, Alessandra Greco, Andrea Leonessa, Simona Menicocci, Manuel Micaletto, Renata Morresi, Vincenzo Ostuni, Nicola Ponzio, Giorgia Romagnoli, Luigi Severi, Fabio Teti, Silvia Tripodi, autori che contribuiscono a delineare un panorama quanto più diversificato e fertile di scrittura e di pensiero sul mondo.

 


Domenica 22 maggio


ore 10.30

Ex.it 2014. Materiali critici fuori contesto. Il libro.

a cura di Antonio Loreto e Massimiliano Manganelli.
Introduce Una modesta proposta – editoria di poesia e pensiero pratico [Luca Rizzatello per Prufrock spa, Mariangela Guatteri e Giulio Marzaioli per Benway Series].
Intervengono gli autori.

Il libro Ex.it 2014 a Ex.it 2016, imgCon la tavola rotonda itinerante Una modesta proposta, Luca Rizzatello (per le edizioni Prufrock spa), Mariangela Guatteri e Giulio Marzaioli (per Benway Series) introducono un dialogo intorno al volume di materiali critici «Ex.it 2014». Il libro raccoglie riflessioni e interventi di critici letterari ed esponenti di differenti aree di pensiero e pratiche estetiche intorno ai materiali pubblicati nel volume «Ex.it 2013». A partire dal libro, Antonio Loreto e Massimiliano Manganelli coordinano una discussione che possa tracciare linee di proseguimento delle riflessioni avviate.


Il dossier completo

Dossier EX.IT Albinea, 2016
Contiene: Comunicato stampa, Programma, Progetti e anteprima del libro «Ex.it 2014», Informazioni pratiche, Locandina.


info

ex.it.materiali@gmail.com

 

Annunci